Dagli e dagli​.​.​.

by Giuliano Lucarini

/
  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    Purchasable with gift card

      €8 EUR

     

1.
00:31
2.
02:40
Io chiamo a quattro venti un’adunata Mo’ venimo là Perché la gente mi sembra annoiata E mo’ venite qua Perché so’ stufo di sentire «Sono stanco!» «Va a dormire!» E! «Che firme danno stasera?» «Vòi ‘na pizza?» o «voi una bira?» non sopporto de stà a perde tempo In questa maniera Mejo disse ‘n faccia che sta vita Non me sembra vera Mejo disse: «Me so’ rotto!» «guarda come sto ridotto» S’è ridotto ‘n cencio a forza de sta solo col lavoro E chiamo tutti quanti all’adunata E mo’ venite qua Pè vede si potemo davve ‘na svejata ‘na ‘mpepata! E mo’ che state qua davanti Fate foco co’ li fianchi Fate er passo der Pantera Scatenamo ‘na bufera Stamo tutti quanti in adunata E rimanemo qua Famo vede la potenza ritrovata Nun se po’ fermà Famo vede che la forza nun ce manca E nun ce stanca Movemo l’anca Ee! Nun sentimo er peso della panza a noi c’arimbarza la panza Ee! Nun sentimo er peso della fame Stamo bene Stamo insieme Ee! Si pensate che sbajamo Ve sbajate E stamo tutti in adunata Che dovemo fa? Dovemo fasse tutti ‘na risata E come se fa? Dovemo camminà npo’ insieme E volesse tanto bene EE chi ce guArda che sta a sEde ‘mbe poi s’hA d’arza! EE qua deve stA a beve ‘n bicchiEre Nun se ne po’ annà (X2) E stamo tutti quanti in adunata Stamo tutti qua È questa la potenza ritrovata Nun se po’ fermà E stamo tutti quanti in adunata E stamo tutti quanti in adunata E stamo tutti quanti in adunata E stamo tutti quanti in adunata…. …… mo’ venimo là!
3.
03:56
Batti batti ribatti i piedi a terra Che solo col sudore il dolore giungerà Batti batti ribatti i piedi a terra Che solo col sudore il dolore passerà Batti per l’abbandono Batti batti! Non c’è più nessuno Batti colpisci duro Batti batti! Calpesta il muro Batti giù nella terra Batti batti! Come la guerra Batti che se non batti tu Nessuno ti ascolterà Batti batti ribatti i piedi a terra Che solo col sudore il dolore giungerà Batti batti ribatti i piedi a terra Che solo col sudore il dolore passerà Batti con tutto il fiato Batti batti! Non ti hanno cercato T’hanno lasciato al volo Batti batti! Solo tu da solo T’hanno rubato il meglio Batti batti! Quando eri sveglio E come ti sei stancato Poi non t’hanno visto più Batti batti ribatti i piedi a terra Che solo col sudore il dolore giungerà Batti batti ribatti i piedi a terra Che solo col sudore il dolore passerà Per chi si è defilato Batti batti! E non è tornato E chi credevi amico Batti batti! Poi t’ha tradito E non s’è più sentito Batti batti! Rimane in viso Il dubbio che un sorriso Prima o poi te lo farà Batti batti ribatti i piedi a terra Che solo col sudore il dolore giungerà Batti batti ribatti i piedi a terra Che solo col sudore il dolore passerà
4.
03:01
E’ da un po’ che la gente non canta e che non me risponne mai in coro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà E’ da un po’ che la gente non canta e che non me risponne mai in coro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà Non c’hanno la casa non c’hanno li figli Non c’hanno più tempo e non c’hanno lavoro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà Nun c’hanno memoria non c’hanno più storia Hanno fatto la fine dei cocci nel foro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà Si er monno c’avesse ridotto co un po’ meno fiacca e meno tristezza invece de dà na caracca ve stavamo a fa na carezza ma dato che er monno more se fredda er core e mo ce se stacca ce vole na sveja pel sonno pesante potente come na caracca eò! O-e-o Na caracca a roma ce vò So vent’anni che stamo seduti a guardà La fine dell’umanità O-e-o Na caracca a roma ce vò pe facce aprì l’occhi e facce sarvà la vita che stamo a buttà E’ da un po’ che la gente non canta e che non me risponne mai in coro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà Non c’hanno la casa non c’hanno li figli Non c’hanno più tempo e non c’hanno lavoro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà Nun c’hanno memoria non c’hanno più storia Hanno fatto la fine dei cocci nel foro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà Come fanno ormai da decenni ponno stà fermi a fa finta de gnente ma una botta de suono sapiente dentro la panza j’ha da rintronà e allora sonamo er tamburo e la tera famo tremà aprimo na crepa ner muro e un po’ d’aria famo passà o-e-o na caracca a roma ce vò che più passa er tempo e più non ce va de vive la nostra città eò! o-e-o na caracca a Roma ce vò pe scenne giù in piazza e potesse abbraccià invece de sta a litigà E’ da un po’ che la gente non canta e che non me risponne mai in coro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà Non c’hanno la casa non c’hanno li figli Non c’hanno più tempo e non c’hanno lavoro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà Nun c’hanno memoria non c’hanno più storia Hanno fatto la fine dei cocci nel foro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà
5.
Oggi piango per la gente che non c’è più E per tutto quello che me manca Quanno penso alla vita che stamo a fa Me sale un peso su pell’occhi che me stanca Piango per te, Gioacchino cantore Per quelle ore passate a cantà Piango perché mo’ tra tutta sta gente Non ce sta più niente che avemo da fa Oggi piango per la gente che non c’è più E per tutto quello che me manca Quanno penso alla vita che stamo a fa Me sale un peso su pell’occhi che me stanca Piango perché me manca er calore De fa l’amore co’ na serenata E a vedè sta bellezza buttata Me piagne er core lasciato da sé Oggi piango per la gente che non c’è più E per tutto quello che me manca Quanno penso alla vita che stamo a fa Me sale un peso su pell’occhi che me stanca Piango perché ce sentivamo parenti Felici e contenti d’esse nati qua Ce bastava solo er ponentino E un bicchiere de vino pe facce sognà Oggi piango per la gente che non c’è più E per tutto quello che me manca Quanno penso alla vita che stamo a fa Me sale un peso su pell’occhi che me stanca
6.
Abballati abballati Precari e disoccupati Che domani è come ieri Co’l’occhi stanchi e li dolori de testa Abballati abballati Poveri cristi laureati Servi degli imprenditori Pronti a tutti li lavori Senza pace né denari Mò spegnete i cellulari e ballate con me Ca la taranta è viva è nun è morta Pareva andata via e mò è risorta E mò è risorta e mò e risorta Te pizzica lu core pè fa una rivolta Una rivolta un’altra volta Ripigliate la vita che t’hanno tolta Ripigliate la vita che t’hanno tolta Ripigliate la vita che t’hanno tolta E’ TORNATA E C’HA PIZZICATO LA TARANTOLA CI FA BALLARE A NOI S’E’ SCORDATA DI SANTO PAOLO MA NON PUO’ DIMENTICARSI DE NOI Tempo non c’è più qui per capire Ora tutto va a finire E se non ballate ora E se non ballate forte E se non ballate mò il veleno non uscirà E se non ballate ora E se non ballate forte E se non ballate mò il veleno non uscirà Ca la taranta è viva è nun è morta Pareva andata via e mò è risorta E mò è risorta e mò e risorta Te pizzica lu core pè fa una rivolta Una rivolta un’altra volta Ripigliate la vita che t’hanno tolta Ripigliate la vita che t’hanno tolta Ripigliate la vita che t’hanno tolta E’ TORNATA E C’HA PIZZICATO LA TARANTOLA CI FA BALLARE A NOI S’E’ SCORDATA DI SANTO PAOLO MA NON PUO’ DIMENTICARSI DE NOI Quando tutto ormai sembrava morto La taranta c’ha rimorso Perché il corpo non si calma Se la testa muore di calma Non c’è pace in fondo all’alma Ne ci sarà mai E pizzica lù core mamma che dolore E pizzica la testa quando c’è la festa La taranta m’ha pizzicato Non lasciatemi morire Gridate tutta la rabbia Fatela uscire A taranta me becò Amor, amor, amor E’ TORNATA E C’HA PIZZICATO LA TARANTOLA CI FA BALLARE A NOI S’E’ SCORDATA DI SANTO PAOLO MA NON PUO’ DIMENTICARSI DE NOI
7.
Daje che se magna, annamo un po’? Mò se magna! Fortuna che è ora de magnà Mò se magna! Daje che fra un po’ tornamo qua Mò se magna! Che demo riaccaccà a lavorà Mò se magna! All’alba aspettamo l’auto alle 5 Dall’auto su nel furgone alle 6 Dar furgone dritti ar cantiere alle 7 E dar cantiere nun se ne potemo annà! Mò se magna Daje che se magna, annamo un po’? Mò se magna! Fortuna che è ora de magnà Mò se magna! Daje che fra un po’ tornamo qua Mò se magna! Che demo riaccaccà a lavorà Mò se magna! Che te pijo? Pija du panini fa n’pò te e da beve? De birre noi se ne famo tre voi la pizza? La pizza bianca fattela scardà e la frutta? Ma quale frutta? Ma damme da magnà! Mò se magna Daje che se magna, annamo un po’? Mò se magna! Fortuna che è ora de magnà Mò se magna! Daje che fra un po’ tornamo qua Mò se magna! Che demo riaccaccà a lavorà Mò se magna! So stanco che nun ce vedo più pure io Amico pè forturna ce sei tu che voi fa? Ma guarda te che vita stamo a fa c’ho na fame! Fortuna che mò è ora de magnà! Mò se magna Daje che se magna, annamo un po’? Mò se magna! Fortuna che è ora de magnà Mò se magna! Daje che fra un po’ tornamo qua Mò se magna! Che demo riaccaccà a lavorà che vitaccia!
8.
Ciranda Romanesca Dar Brasile viè quaggiù Se n’è scesa ai Sette Colli E mò nun se ne va più Famme girà lontano Dalle montagne fino al mar Ma non lasciarmi dalla tua mano che sinnò non so tornà Ciranda Romanesca Dar Brasile viè quaggiù Se n’è scesa ai Sette Colli E mò nun se ne va più Facce viaggià lontano E aiutece a ricordà Che tanto dimo e più tanto famo Che tornamo sempre qua Ciranda Romanesca Dar Brasile viè quaggiù Se n’è scesa ai Sette Colli E mò nun se ne va più Ciranda gira ancora un po’ Ancora un po’ancora Ciranda gira ancora un po’ Che ce vò Ciranda romanesca Finarmente c’hai fatto arzà C’hai preso in braccio e c’hai coccolato E mò non te ne poi annà Ciranda romanesca Dacce na mano tu Viè a stà in mezzo a l’amici Che cò te semo felici E non se perdemo più E nun se perdemo più Ciranda Romanesca Dar Brasile viè quaggiù Se n’è scesa ai Sette Colli E mò nun se ne va più Ciranda gira ancora un po’ Ancora un po’ancora Ciranda gira ancora un po’ Che ce vò
9.
Donne! E’ arivato l’arotino! Scennete! C’è l’arotino Donne! E’ arivato l’arotino! Da nun crede! C’è l’arotino E’ arivato a rifà er filo A chi non se taja più E’ arivato a dà er profilo A chi nun gliela fa più Donne! E’ arivato l’arotino! Scennete! C’è l’arotino Donne! E’ arivato l’arotino! Da nun crede! C’è l’arotino Arota i cortelli a tutti quelli Che non sanno più magnà Lava la rozza dona bellezza A chi se la stava a scordà Donne! Ce sta pure l’ombrellaro! Scennete! C’è l’ombrellaro Donne! E’ arivato l’ombrellaro! Accorrete dall’ombrellaro Donne! E’ arivato l’ombrellaro! Scennete! C’è l’ombrellaro Donne! E’ arivato l’ombrellaro! Da nun crede! L’ombrellaro E’ arivato cor core in mano Mosso da pietà Je piagne er core a vede er dolore De tanta umanità Donne! E’ arivato l’ombrellaro! Scennete! C’è l’ombrellaro Donne! E’ arivato l’ombrellaro! Da nun crede! L’ombrellaro Ripara l’ombrelli a tutti quelli Che se stanno a fracicà Toglie la pioggia e pure la brezza Che ogni giorno fanno ammalà Donne! E’ arivato l’arotino! E’ arivato co’ l’ombrellaro Donne! E’ arivato l’arotino! Accorrete! C’è l’ombrellaro! Il primo lava la rozza, l’altro la brezza So venuti fino a qua E si nel core c’hai l’amarezza Una carezza sanno fa E lava la rozza e toje la brezza Che ogni giorno fa ammalà Libera er core dalla monnezza Te permette de respirà L’arotiino….l’ombrellaaro… L’arotiino….l’ombrellaaro… L’arotiino….l’ombrellaaro… O arotiino! Aiutace tu!
10.
03:32
Questa canzone è sonata colle mano E la cantamo pa fà move li piedi Così che almeno non te fai trovà che siedi E quanno passa sto galoppo te poi comincià a scallà! Era una vita che me sentivo stanco E nun c’avevo manco La voja de dormì E nun m’annava de moveme dar letto Né libro né filmetto Me poteva contentà Poi so arrivati un gruppo de ragazzi Coi ritmi e co li passi M’hanno tirato giù Nun m’hanno fatto manco na domanda E tra un cocco e na ciranda Non me so fermato più Questa canzone è sonata colle mano E la cantamo pa fà move li piedi Così che almeno non te fai trovà che siedi E quanno passa sto galoppo te poi comincià a scallà! Di giorno corro mi muovo nella fretta C’ho solo mezz’oretta Pe metteme a magnà Poi ricomincio e già me sento stanco Sto solo dentro a un branco De gente come me Poi se fa l’ora che viene quasi sera E il lavoro che dispera Non me dispera più Adesso canto pé vince la tristezza E pure la stanchezza Ballando se ne va Questa canzone è sonata colle mano E la cantamo pa fà move li piedi Così che almeno non te fai trovà che siedi E quanno passa sto galoppo te poi comincià a scallà! Mò viè qui se vòi balla Mò viè qui se vòi canta Mò viè qui sta un po’ con noi Che poi nun te ne vai via più
11.
Nun crede a quello che dice ma vedi quello che fa se inventa un sacco de storie perché nun c’ha niente da fa L’altro giorno un pazzo me taja la strada Io lo rincorro pe faje le corna Lui me blocca che me vò passà la sveja Mò sta ancora a piagne pe li bozzi che c’ha Nun crede a quello che dice ma vedi quello che fa se inventa un sacco de storie perché nun c’ha niente da fa M’ha chiamato er direttore della Nasa M’ha chiesto si annavo sulla luna In cambio me regala una fortuna Ma io gl’ho detto «so occupato te richiamo lunedì!» Nun crede a quello che dice ma vedi quello che fa se inventa un sacco de storie perché nun c’ha niente da fa Ho trovato na ragazza che me piace Na tipa sveja, simpatica e bella Lavora in banca, fa pure la modella A tutti je da buca e se concede solo a me! Nun crede a quello che dice ma vedi quello che fa se inventa un sacco de storie perché nun c’ha niente da fa Ogni giorno come esco de casa Il portiere me saluta co ‘n inchino L’amici fanno a gara per offrimme er cappuccino E come apro la bocca stanno tutti a sentì me! Nun crede a quello che dice ma vedi quello che fa se inventa un sacco de storie perché nun c’ha niente da fa
12.
04:10
A romani abbandonati allo sprofonno! Oggi ve portamo a fa du zompi Tra tutti i mejo ritmi de sto monno Ve ripijamo cor Parapaponzi! Ballà er parapaponzi a me me piace Me ce fa crede che ce so capace Si er parapaponzi voi imparà a ballà Devi move le cianche qua e dellà Cantà er parapaponzi appena svejo Me fa scenne dar letto che sto meglio Ballà er parapaponzi quanno è sera Me fa trovà la gioia che nun c’era E daje de tacco, daje de punta, daje de tacco de punta de tacco…… E daje de tacco, daje de punta Era una canzone che me piaceva Ma nun sapevo come faceva Er ballo della sora Assunta Quanno so nato non c’era la tradizione Schifata dalla globalizzazione C’hanno torto la voja de uscì fori C’hanno lasciato ‘na tv a colori Pè fortuna che c’è adesso questo canto Me fa senti contento e pure stanco Parapaponzi mio quanto sei bello Pè n’attimo me fai tornà pischello Io che ero pischelletto nell’86 Reppavo colle basi dei dj Quann’ero più cresciuto nel ‘97 Sonavo li tamburi sopra er reggae E pe sopravvive a un monno così ostile So annato a cercà vita giù in Brasile E mò che so tornato Non ve credete che me riabbiocco Adesso er core lo sento e lo tocco Lo sono e lo canto tutto d’un fiato Parapaponzi mio quanto sei bello Me da la voglia de fa no stornello Tanto ho detto tanto ho fatto so’ felice e soddisfatto co’ sta caracca nun sento più la noia né la fiacca me pare un friccico della panza me fa più bello questa mia danza apre una breccia me scortica dar corpo la corteccia apre una breccia me scortica dar corpo la corteccia!
13.
E’ un’amara verità Tu non mi chiami più Tanto è triste quanto è vera Tu non mi chiami più Non mi chiami quando viaggi Quando sei tanto lontana Sei capace di ignorarmi Per più di una settimana Non mi chiami perché in fondo Hai paura del mio amore Che sa stare nel dolore E che non fugge per il mondo E’ un’amara verità Tu non mi chiami più Tanto è triste quanto è vera Tu non mi chiami più Tu potresti farmi avere almeno una cartolina Anche se non sei affettuosa io saprei che sei vicina Chissà quanta tenerezza Noi potremmo coltivare Solamente se credessi Che di me ti puoi fidare E’ un’amara verità Tu non mi chiami più Tanto è triste quanto è vera Tu non mi chiami più Ora soffro piango e scalcio perché mi sento solo Quando sono triste canto così almeno mi consolo Se sapessi che ci sei E che io per te ci sono Così triste non sarei Non mi sentirei più solo E’ un’amara verità Tu non mi chiami più Tanto è triste quanto è vera Tu non mi chiami più Tu non mi chiami più Tu non mi chiami più Tu non mi ami più
14.
E dagli e dagli Pure ‘e cipolle diventano agli Ma lascia e molla Che pure l’aglio diventa cipolla Non ce credi se tu non mi vedi Ma se tu mi vedi poi ce crederai Sò cambiato me sento rinato E mò sta tranquillo non me caccio nei guai E dagli e dagli Pure ‘e cipolle diventano agli Ma lascia e molla Che pure l’aglio diventa cipolla Ma te ricordi te de quer moretto Che annava ar muretto a fa sempre lo sghicio? Otto ore al giorno d’ufficio E mò sur muretto nun ce sale più E dagli e dagli Pure ‘e cipolle diventano agli Ma lascia e molla Che pure l’aglio diventa cipolla Io invece nun me so abbandonato Non ho rinunciato all’amore che sento So precario e non me so mai integrato e pure per questo c’ho ancora er fomento E dagli e dagli Pure ‘e cipolle diventano agli Ma lascia e molla Che pure l’aglio diventa cipolla Sognavamo de potè cambià er monno E invece fu er monno che riuscì a cambià noi Ogni giorno cor cappio sur collo E un finto soriso da supereroi E dagli e dagli Pure ‘e cipolle diventano agli Ma lascia e molla Che pure l’aglio diventa cipolla E ora che canto e che ballo Me sento più vivo e me vedo più bello Parevo un somaro so’ invece un cavallo Fuggito dal branco che andava al macello E dagli e dagli Pure ‘e cipolle diventano agli Ma lascia e molla Che pure l’aglio diventa cipolla
15.
E’ da un po’ che la gente non canta e che non me risponne mai in coro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà E’ da un po’ che la gente non canta e che non me risponne mai in coro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà Non c’hanno la casa non c’hanno li figli Non c’hanno più tempo e non c’hanno lavoro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà Nun c’hanno memoria non c’hanno più storia Hanno fatto la fine dei cocci nel foro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà Si er monno c’avesse ridotto co un po’ meno fiacca e meno tristezza invece de dà na caracca ve stavamo a fa na carezza ma dato che er monno more se fredda er core e mo ce se stacca ce vole na sveja pel sonno pesante potente come na caracca eò! O-e-o Na caracca a roma ce vò So vent’anni che stamo seduti a guardà La fine dell’umanità O-e-o Na caracca a roma ce vò pe facce aprì l’occhi e facce sarvà la vita che stamo a buttà E’ da un po’ che la gente non canta e che non me risponne mai in coro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà Non c’hanno la casa non c’hanno li figli Non c’hanno più tempo e non c’hanno lavoro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà Nun c’hanno memoria non c’hanno più storia Hanno fatto la fine dei cocci nel foro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà Come fanno ormai da decenni ponno stà fermi a fa finta de gnente ma una botta de suono sapiente dentro la panza j’ha da rintronà e allora sonamo er tamburo e la tera famo tremà aprimo na crepa ner muro e un po’ d’aria famo passà o-e-o na caracca a roma ce vò che più passa er tempo e più non ce va de vive la nostra città eò! o-e-o na caracca a Roma ce vò pe scenne giù in piazza e potesse abbraccià invece de sta a litigà E’ da un po’ che la gente non canta e che non me risponne mai in coro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà Non c’hanno la casa non c’hanno li figli Non c’hanno più tempo e non c’hanno lavoro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà Nun c’hanno memoria non c’hanno più storia Hanno fatto la fine dei cocci nel foro sta’ caracca è tutta pe’ loro che così li potemo svejà

about

Primo lavoro da cantautore del "maestro di percussioni" Giuliano Lucarini è un tributo caleidoscopico alle tradizioni e agli stili musicali che hanno segnato la carriera di questo musicista anomalo.
Su basi percussive rigorosamente arrangiate secondo stili tradizionali del nordest brasiliano - samba, maracatu, cavalo marinho, ciranda, galope - o variamente elaborate dalla fantasia dell'autore sconfinando nell'afrobeat e nella pizzica, si innesta un impianto musicale moderno, con basso, chitarra elttrica e fiati ad accompagnare canzoni che, ispirate da canti rituali e di lavoro di un continente lontano, ritrovano immediatamente la genuina spontaneità dello stornello romano.

Una miscela esplosiva che non risulta mai forzata, mai meccanica, mai accademica, e finisce per assumere un inaspettato sapore funky-rock.
Insomma, musica popolare di un popolo che non c'è ancora, il popolo della Roma del futuro, capace di ritrovare un'identità forte attingendo dalle tante identità dei suoi nuovi abitanti.

credits

released June 20, 2012

Giuliano Lucarini - voice and percussion; Valerio Guaraldi - electric guitar; Matteo Pezzolet -bass guitar; Alice Noris: trombone; Giancarlo Romani - trumpet; Amos Vigna - saxophone; Alessandro Mazziotti - ciaramelle (italian ethnic flutes); Andrea Grassi - tammorra (italian ethnic percussion); Danila Massini, Daniela De Angelis, Giulio Ferrante - additional voices.
Recorded, mixed and mastered by Bruno Avramo, studio Formadonda, Roma.
Produced by Flaminio Cozzaglio and Giuliano Lucarini

license

all rights reserved

tags

about

Tricks Produzioni Roma, Italy

New italian folk music

contact / help

Contact Tricks Produzioni

Streaming and
Download help

Report this album or account

If you like Dagli e dagli..., you may also like: